Sabrina Doni

SEGRETARIA PROVINCIALE

Questo è per me l’inizio di un rinnovato impegno, di un nuovo percorso. Mi sono iscritta al PD nel 2014, quando sono diventata sindaco. Prima, pur avendo sempre orientato il mio voto nell’alveo del centrosinistra, non avevo un’idea ben chiara di come operasse un partito a livello locale, non ne conoscevo a fondo il ruolo, ne ignoravo le dinamiche interne che invece ho imparato a conoscere soprattutto negli ultimi anni. La mia è una storia politica recente, non sono una protagonista storica delle scelte operate nel partito; piuttosto mi sento un’iscritta che nel tempo ha imparato ad affezionarsi ad un partito che, diversamente dagli altri, incarna i valori che sento essere miei, che mi sono stati trasmessi dalla mia famiglia e che ho coltivato grazie all’impegno nell’associazionismo cattolico, e quelle sensibilità che riconosco come fondanti l’operato di un amministratore, nonché di un dirigente di partito che voglia davvero incarnare l’essere a servizio di un territorio e della sua cittadinanza.

A dirla tutta, la vera motivazione che mi ha convinta allora a tesserarmi al PD, e che continua a motivare la mia scelta di anno in anno, è la credibilità di alcuni esempi. Anche in questa occasione, per questo tratto del mio impegno, la chiave di volta è stata l’incontro con figure credibili: uomini e donne del Circolo del Partito Democratico di Rubano, impegnati per il Bene Comune in modo disinteressato e generoso, innamorati delle persone e convinti che si possa incidere nella creazione di un mondo migliore a piccoli passi. Piccoli ma costanti.

Ecco, questo è il punto da cui intendo partire: lavorare per il PD provinciale come ho visto lavorare molte persone nei nostri Circoli, mosse da un’idealità che trova concretezza nella faticosa operosità quotidiana nelle Amministrazioni comunali, nei luoghi dell’istruzione e del lavoro, nelle Associazioni, nelle Società sportive, nelle Parrocchie, ma anche nelle piazze e nei mercati.

Con una marcia in più: l’unità e l’ascolto.

Se da un lato non ho dubbi che sia importantissimo che il PD di Padova operi, insieme alle compagini espresse dalle altre province venete, in stretta sinergia e unità con il PD regionale e i nostri consiglieri regionali, dall’altro sono convinta che sia necessario che l’impegno primario del Segretario provinciale sia volto al contatto col territorio padovano: sento forte la necessità di avviare uno stretto rapporto di contatto, dialogo e ascolto dei Circoli e degli Amministratori locali, siano essi impegnati in maggioranza o in opposizione. Questo è lo stile che ho adottato nel mio essere Sindaco e che voglio mantenere nel nuovo ruolo di Segretario provinciale del Partito Democratico.

E’ dal basso che voglio ripartire, ma con la voglia di riportare in alto il nostro Partito Democratico che in provincia di Padova, per la qualità dei nostri iscritti, merita di contare di più.

Sabrina Doni