Rassegna Stampa

Stampa
PDF

Intesa raggiunta per la sanità padovana

on . Postato in Rassegna Stampa



Vittorio Ivis, Segretario provinciale PD, commenta così l'accordo: "E’ davvero un momento unico e chi non sa riconoscerlo rischia di essere fuori dalla storia. Faccio i miei complimenti al Sindaco Giordani e a tutta l’amministrazione padovana per la determinazione e la perseveranza con cui hanno portato avanti in questi anni un delicato ma indispensabile dialogo con tutte le istituzioni coinvolte. Grazie al loro impegno oggi Padova non vede più come miraggio il miglioramento atteso per la propria sanità, ma come un progetto coerente che di giorno in giorno andrà concretandosi.

Ci sarà l’ospedale per il territorio dedicato ai padovani (il Giustinianeo) con l’unico e modernissimo pronto soccorso, ci sarà il polo dell’eccellenza chiesto dall’Università ed entrambi avranno pari dignità con 900 posti letto ciascuno. Verrà salvato il centro storico dal pericoloso “buco nero” che poteva generare la chiusura del Giustinianeo e ci saranno soprattutto servizi moderni e all’avanguardia per tutti, capaci di fronteggiare anche sfide inattese come quella che stiamo vivendo e che tanto ci insegna riguardo alla valenza inestimabile di una sanità di livello nelle nostre vite. E’ stata una scelta giusta anche quella di percorre strade separate ma parallele con la realizzazione della nuova pediatria, che merita un’attenzione particolare.

Con la firma di oggi il Comune completa i suoi principali impegni. Ora spetterà alla Regione dimostrare di saper far altrettanto bene e in fretta. Noi resteremo vigili e attenti per assicurarci che questo avvenga e che tutto proceda secondo i programmi, ma anche perché sia garantita la giusta attenzione a quegli ambiti che dovranno essere gradualmente implementati – penso ad esempio alla medicina territoriale – per interagire al meglio con i futuri poli ospedalieri e concorrere, quindi,  all’eccellenza della sanità padovana".
Stampa
PDF

e' ora! Tutte e tutti a votare #il26VotoPD

on . Postato in Rassegna Stampa



È ora: domenica 26 maggio siamo chiamati a votare per eleggere il nuovo Parlamento europeo e molte amministrazioni locali.

Il nostro popolo ci ha chiesto unità, proposte concrete e coraggio. Ecco perché nasce la lista unitaria del Partito Democratico. Un'alternativa concreta per cambiare l'Italia e salvare l'Europa dalle destre e dai sovranisti. Per salvarci, perché le ricette e gli slogan che propongono sono una minaccia concreta al nostro futuro.

Noi vogliamo un'Europa più giusta, più democratica e più verde. Un'Europa vicina alle persone, diversa da quella che abbiamo conosciuto in questi ultimi anni. Puoi leggere le nostre proposte facendo clic qui.

Oggi questo Governo non decide nulla e l'economia sta crollando. C'è una novità: siamo noi, perché il simbolo della lista unitaria del Partito Democratico è l'unico simbolo che garantisce che questo Governo vada a casa, lo hanno capito anche tante personalità che hanno scelto di candidarsi con le nostre bandiere, aiutandoci a costruire delle liste belle e serie.

Per questo è importante andare a votare alle elezioni Europee domenica 26 maggio e votare la lista unitaria del Partito Democratico, per questo è importante votare per gli enti locali scegliendo le coalizioni che abbiamo costruito.

Lo diciamo chiaramente da settimane cosa vogliamo: prima le persone, prima il lavoro, prima la giustizia sociale. Per noi conta questo, per questo combattiamo per un'Europa che lavora per l'Italia.

Mobilitiamoci anche sui social! #il26VotoPD è l'hashtag che stiamo usando su Facebook, Twitter e Instagram per raccontare la nostra grande mobilitazione. È un modo per metterci la faccia e far sapere che si è scelto di andare a votare uniti il Partito Democratico questa domenica.

Da oggi al 26 maggio, diffondiamo sui social #il26VotoPD, e soprattutto parliamo con le persone. Ogni giorno: casa per casa, con telefonate, email, sui social, con messaggi e WhatsApp perché è ora di voltare pagina, di farlo per amore dell'Italia.

È ora: domenica 26 maggio tutte e tutti a votare Partito Democratico!


IMMAGINA