Stampa
PDF

«Affrontiamo insieme il problema della mancanza di cibo» APPELLO A SINDACI, CITTADINI E IMPRESE: ADERIAMO TUTTI ALLA CARTA DI MILANO

on . Postato in Rassegna Stampa


La povertà alimentare è diventata una realtà anche per il nostro territorio: un italiano su dieci soffre di mancanza di cibo e in soli sette anni la povertà assoluta è quasi triplicata, passando da 2,4 milioni di persone nel 2007 a 6 milioni di poveri nel 2013. La fame in Italia è un’emergenza che non si può ignorare.

«Se fino a qualche anno fa eravamo abituati a parlare di fame nel mondo solo per i paesi più disagiati, oggi è diventato un problema che coinvolge anche noi - ha spiegato Giulia Narduolo, Deputata del Partito Democratico - per questo lancio una proposta a tutti i sindaci, cittadini, imprese e associazioni: firmiamo tutti la Carta di Milano per dare un segnale importante sulla scia dell’Expo appena inaugurato».
La Carta di Milano rappresenta l’eredità culturale di Expo Milano 2015, il cui tema è "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita". La Carta è un documento partecipato e condiviso che richiama ogni cittadino, associazione, impresa o istituzione ad assumersi le proprie responsabilità per garantire alle generazioni future di poter godere del diritto al cibo e per garantire al Pianeta un futuro più equo e sostenibile.

Un documento quindi di assoluta importanza che diventa più che mai attuale se pensiamo alle persone che, in Italia, sono incapaci di sostenere la spesa minima per alimentazione, casa e vestiti.

«Complice la crisi economica, oggi anche il nostro territorio ha visto un aumento esponenziale di famiglie costrette a rivolgersi ai servizi sociali del proprio Comune per far fronte ai bisogni primari - ha continuato Narduolo - se pensiamo di poter chiudere gli occhi di fronte a questo problema ci sbagliamo di grosso: tutelare il diritto all’alimentazione dev’essere un principio fondamentale di una società civile».

Il problema della povertà alimentare è ormai noto: a novembre si è tenuta in tutta Italia la diciottesima edizione della “Giornata Nazionale della Colletta Alimentare”. Più di 135.000 volontari della Fondazione Banco Alimentare Onlus, in oltre 11.000 supermercati, hanno raccolto alimenti a lunga conservazione che sono stati distribuiti a 8.898 strutture caritative (mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d’accoglienza, ecc.) che aiutano oltre 1.950.000 persone povere.

«Chiedo in particolare ai primi cittadini di firmare la Carta di Milano per dare un segnale, come proposto anche dal Presidente dell’Anci Piero Fassino - ha concluso la rappresentante del PD - Mentre in questi giorni visitiamo l’Expo scoprendo il bellissimo risvolto culturale dei diversi cibi del mondo, ci sono persone che non possono permettersi nemmeno un pezzo di pane. E’ una situazione intollerabile su cui dobbiamo far fronte comune intervenendo con la massima tempestività».

Per informazioni è possibile visitare il sito carta.milano.it

IMMAGINA