Stampa
PDF

FORZE DELL’ORDINE È PRONTA L’INTESA SUI LORO STIPENDI

on . Postato in Rassegna Stampa


MATTINO DI PADOVA 20 SETTEMBRE 2014 - Come annunciato nelle scorse settimane dal Presidente del Consiglio è stato raggiunto ieri l'accordo tra il Governo e le rappresentanze sindacali delle forze dell’ordine sullo sblocco degli scatti stipendiali. Ammonta a quasi un miliardo di euro la somma necessaria che sarà messa a disposizione per 440 milioni dai ministeri dell'Interno e della Difesa e per altri 500 dal Ministero dell'Economia. A metà luglio il Parlamento aveva approvato una mozione che chiedeva proprio il miglioramento del trattamento economico del personale a partire dalla legge di stabilità del 2015 e la possibilità dello sblocco delle retribuzioni. Per il comparto sicurezza si tratta di un riconoscimento importante, giunto al termine di giorni di trattativa. Senza dubbio gli uomini delle forze dell'ordine rappresentano un settore importante per la delicatezza dei compiti cui attendono e per la professionalità e l'abnegazione che mostrano quotidianamente nell'adempimento delle loro mansioni. Questi lavoratori vivono in condizioni difficili e pericolose, hanno funzioni delicate per la sicurezza dei cittadini e delle istituzioni democratiche. Era doveroso correggere le storture degli anni scorsi. Il Governo Berlusconi aveva emanato il decreto-legge n. 112 del 2008, che ha previsto il blocco del turnover per il 2010-2011 e, poi, il blocco parziale al 20% per il triennio 2012-2014 e al 50 per cento per il 2015: con la sigla del provvedimento finalmente i salari verranno adeguati conteggiando gli scatti di carriera e le promozioni. Questo accordo rappresenta un altro passo importante nella direzione di garantire concretamente la sicurezza dei cittadini ed è un risultato incoraggiante per il Governo che aveva annunciato di voler reperire le risorse necessarie e ha mantenuto l'impegno.

IMMAGINA